Ponza... la nostra vicina!

Chiaia di Luna ponza

Come si può pensare di venire a Terracina senza fare un giro anche a Ponza?

Durante l’estate dal porto della città partono diversi collegamenti giornalieri con le isole pontine e si può pensare di organizzare una gita a Ponza o Ventotene anche con poco anticipo.
L’isola è meravigliosa, la più grande e turistica dell’arcipelago, ed è anche uno dei Borghi più belli della Provincia di Latina e del Lazio ed un posto con un’infinità di cose da vedere.

Solitamente chi pensa di andare solo a Ponza finisce con lo starsene fino a sera nella spiaggia del Frontone, accontentandosi di fare una passeggiata nel delizioso centro storico, senza sapere quanto di meraviglioso offrano anche i tanti paesaggi visti dal mare! Per questo noi suggeriamo sempre di prenotare una crociera che combini la circumnavigazione delle isole di Ponza e Palmarola, o di noleggiare una barca per poter vedere tutto il meglio del paesaggio, e non trovarsi poco dopo lo sbarco a prendere esclusivamente il sole sulla spiaggia. Per chi avesse più tempo a disposizione, invece possiamo indicare tanti percorsi diversi.

Cosa vedere a Ponza?

Ponza è famosa per le spiagge bianche e l’acqua turchese. Il mare è uno dei più belli del Mediterraneo, con fondali ricchi di vita, relitti e grotte che sono il paradiso degli amanti dello snorkeling e del diving.
L’isola conta una lunga costa frastagliata, che forma insenature e baie, calette e spiagge, scogliere bianche, faraglioni e grotte sommerse.
Ma Ponza è anche ricca di storia. L’isola è stata abitata sin dal tempo dei romani e, prima ancora, dai greci. I resti del passato sono ben visibili ed è meraviglioso scoprirli uno ad uno. Ci sono due necropoli romane, grotte artificiali, i resti di due sontuose ville imperiali e tante cisterne disseminate sul territorio, di cui la più famosa è la Cisterna Romana di Dragonara.

 

E voi, ci siete già stati?

Visitate il sito! E al resto ci pensiamo noi!

https://www.ponzaturismo.it/

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *